Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/171


UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE 161

Marta. Credeva che ’l ghe n’avesse comprà do o tre lire.

Anzoletto. Perchè tanto?

Marta. Credeva che ’l s’avesse fatto la provision per el viazo.

Anzoletto. Per el viazo?

Polonia. Che ’l diga, sior Anzoletto...

Anzoletto. La prego: de che viazo parlela? (a Marta)

Marta. Eh! gnente; ho fallà. Diseva de quel della recamadora franzese.

Polonia. (Porla taser, in so tanta malora?)

Anzoletto. Siora, capisso benissimo...

Domenica. Eh! via, cara siora Marta, la tasa. I omeni xe paroni della so libertà. Vorlo andar? che ’l vaga.

Anzoletto. La me permetta...

Marta. Ben, che ’l vaga. Nissun ghe lo pol impedir. Ma perchè no dirlo almanco?

Anzoletto. La prego...

Domenica. Oh! questo po sì. Sperava anca mi, che ’l gh’avesse almanco tanta proprietà de farme sta confidenza.

Anzoletto. Permettele?...

Marta. Bisogna veder...

Domenica. La lassa ch’el parla.

Marta. Che ’l diga pur.

Polonia. (Podeva pur anca mi aspettar a doman).

Anzoletto. Ghe dirò. Xe vero che ho una lettera de Moscovia, che là i me chiama a esercitarme in tei mio mestier. Xe vero che la proposizion me convien; xe vero anca, che l’ho accettada. Ma xe vero altresì...

Marta. Bello quel altresì; el scomenza a parlar forestier.

Anzoletto. Tutto quello che la comanda. Parlerò venezian. Ma xe anca vero, che ancuo solamente ho risolto; e che prima de adesso no ghe lo podeva comunicar.

Marta. Tutte chiaccole, che no val un bezzo.

Domenica. Basta. Se per elo ha da esser ben, me consolo.

Anzoletto. No so cossa dir. Sarà quel che piaserà al cielo.

Marta. Sentì, fio caro; lassemo le burle da banda. Mi vorave