Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/170

160 ATTO PRIMO

SCENA XV.
Anzoletto e dette; poi Cosmo.

Anzoletto. Patrone mie riverite.

Marta. Patron.

Domenica. (E co allegro che ’l xe!)

Anzoletto. Son qua anca mi a recever le grazie de siora Domenica e de sior Zamaria.

Domenica. Le mie no, la veda. Mi no despenso grazie a nissun.

Polonia. (Xe impossibile che la tasa).

Anzoletto. Cossa gh’ala, siora Domenica?

Domenica. Me dol la testa.

Anzoletto. Me despiase ben.

Marta. La mastega del reobarbaro, che ’l ghe farà ben. La manda alla spezieria; la procura de farse dar de quel de Moscovia. (a Domenica, con caricatura)

Anzoletto. De Moscovia?

Marta. Sior sì. No xe vero che ’l meggio reobarbaro xe quello che vien de Moscovia?

Anzoletto. Mi no so. Mi no me n’intendo.

Polonia. Che bon tabacco alo tolto, sior Anzoletto?

Anzoletto. Padoana. M’ala visto a comprarlo?

Polonia. Sior sì. Che ’l me ne daga una presa.

Anzoletto. M’ha parso anca a mi de vederla a trapassar. (dà il tabacco ecc.)

Polonia. (Me pento adesso de aver parlà).

Anzoletto. Comandela? (offre tabacco a Domenica)

Domenica. Grazie. No ghe ne togo. (con disprezzo)

Anzoletto. Pazenzia. E ela, comandela? (a Marta)

Marta. Ch’el diga: ghe n’alo compra assae de sto tabacco? (prendendo tabacco)

Anzoletto. No la vede? Mezz’onza.

  1. Tabacco padovano, secondo l’uso di Padova, e in oggi il più usitato in Venezia, e fermentato.