Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/167


UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE 157


Domenica. Siora sì. La vorla veder?

Marta. Magari!a

Domenica. Adesso ghe la mostro. (si guarda in tasca)

Marta. (Eh, sì ben. Trenta parole, e una polizetta, xe quel che basta).

Domenica. Oh! xe qua la mistra Polonia. (ripone la carta)

Marta. Gh’ala suggizion?

Domenica. No vorave che la disesse... Ghe la mostrerò un’altra volta.

SCENA XIV.
Polonia col zendale sulle spalleb, e dette.

Polonia. Patrone riverite.

Domenica. Siora Polonia!

Marta. Patrona, siora Polonia.

Domenica. Sola sè?

Polonia. M’ho fatto compagnar da un zovene.

Domenica. Coss’è che me pare scalmanadac?

Polonia. Gnente, gnente. La lassa che me cava el zendà.

Domenica. Saveu chi ghe xe dessuso?

Polonia. Chi?

Domenica. Sior Momolo.

Polonia. El manganer?

Domenica. Siora sì, dasseno.

Polonia. Uh! sielo malignazo anca elo. A sti omeni no gh’è da creder; no gh’è da fidarse: i xe tutti compagni.

Domenica. Disè: cossa xe sta?

Polonia. La lassa che me cava el zendà. (va a porre il zendale sul tavolino.)

  1. Questo termine è espressivo, corrisponde all’utinam latino: Dio volesse, o vederci volentieri.
  2. Abbiamo già detto, che cos’è il zendale: le donne, quando sono in una casa confidenziale, e che non se lo levano intieramente, se lo lasciano andar sulle spalle, e restano con la testa scoperta.
  3. Riscaldata.