Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/165



Domenica. Ghe xe passa?

Alba. Me xe passa. Sior Momolo, la favorissa.

Momolo. La comandi.

Alba. E1 me compagna dessuso.

Momolo. Volentiera.

Lazaro. Ve compagnerò mi. (ad Alba)

Momolo. Fermève. (a Lazaro) So qua a servirla. Benedetta la mia parona! Saldi, sior’Alba.

Alba. Coss’è sto saldi?

Momolo. Gnente. Saldi. Perchè son debole de zonture. (parte con Alba)

SCENA XII.

Domenica, Marta, Bastìan e Lazaro.

Bastian. (Se vede che tutto el so mal la lo gh’ha in te la testa).

Domenica. Via, che i vaga anca lori.

Bastian. Eh! mi l’ho visto; so che drappo ch’el xe.

Domenica. Che i vaga; che i vaga a trovar sior padre.

Bastian. Coss’è? Vorle restar sole?

Domenica. Sior sì; volemo restar sole.

Lazaro. Andemo, sior Bastian. Se savessi! gh’ho sempre paura, che a mia muggier no ghe vegna mal!

Bastian. Gh’ave una gran pazenzia, compare!

Lazaro. Cossa voleu far? La xe mia muggier.

Bastian. Voleu che mi v’insegna a varirla?

Lazaro. Come?

Bastian. Se ghe dise: Astu mal? sta in casa. Anca sì, che ghe passa el dolor de stomego?

Lazaro. No son bon; no gh’ho cuor; no me basta l’anemo. (parte)

Bastian. To danno; goditela donca, che bon prò te fazza. (parte)

SCENA Xlll.

Domenica e Marta.

Domenica. Manco mal, che semo un pochetto sole. Gh’ho voggia de parlar con eia.