Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/162



Alba. No so gnanca mi. Gh’ho un affanno!... 152 JTTO PRIMO

Marta. (Ghe credeu vu, che la gh’abbia mal?) (a Baslian)

Lazaro. Cossa ve sentìu? (ad Alba)

Alba. Gnente.

Marta. Mo via, la staga allegra, la se diverta.

Alba. Gh’ho una mancanza de respiro, che no posso tirar el fià.

Lazaro. Voleu gnente? Voleu andarve a molar (0 el busto?)

Alba. Eh! sior no; n’importa.

Bastian. (El gh’ha una gran pazenzia. Mi no sarave bon).

Domenica. Son qua col fogo. La resta servida. (vuol mettere lo) scaldapiè ecc.

Alba. No la s’ mcomoda. (vuol mettersi sotto lo scaldapié, e non può) Gh’ho sto busto cussi stretto, che no me posso gnanca sbassar.

Domenica. La servirò mi. (mette lo scaldapié)

Lazaro. Mo no voleu star mal con quel busto cussi serra (a)? Ande là, cara fia, andève a molar.

Alba. Eh! (con disprezzo)

Lazaro. Fé a vostro modo, che vivere dies’anni de più.

Alba. Gh’ala un garofolo? (a ’Domenica)

Domenica. Anderò de là a torghelo.

Marta. Mi, mi se la voi. (vuol tirar fuori un garofano ecc.)

Bastian. Vorla un diavolon? (apre una scatoletta ecc.)

Alba. Sior sì.

Domenica. Cossa se séntela?

SCENA XI.

MomoLO e detti.

Momolo. Oh! son qua.

Alba. Oh! sior Momolo, sior Momolo (rallegrandosi)

Momolo. Sior’Alba, ghe son servitor. (a) Stretto. (1) Slacciare, allentare: v. Boerio.