Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/160



Momolo. Xe un pezzo. In sti ultimi zorni mi no ghe vago. Me piase più cussi: quattro amici, un gotto de vin, una fersora de maroni (a).

Domenica. Stassera cenere con nu.

Momolo. No la posso servir.

Domenica. Per cossa? Averessi ardir de impiantarne?

Momolo. Mi no; stago qua fin doman, fin doman l’altro; fin sta quaresema, fin che la voi.

Domenica. Cossa donca diseu de no voler cenar?

Momolo. Digo cussi, perchè gh’averave voggia de servirla ben; e xe otto dì che desordeno, e gh’ho paura de no farme onor.

Domenica. Eh! no v’indubitè, che qua da nu no ghe sarà da desordenar.

Momolo. Ghe n’è più de quel vin da galantomeni?

Domenica. Ghe ne xe ancora.

Momolo. Co gh’è de quello, gnente paura.

Domenica. Via, andè de là, andève a cavar el tabarro.

Momolo. Con so bona grazia. (in atto d’andare)

Domenica. Saveu chi vien stassera da nu? (a Momolo)

Momolo. Chi, cara eia?

Domenica. Siora Polonia.

Momolo. Cara culla, ghe voi proprio ben; ma semo in baruffa. Me raccomando a eie; le diga do parolette, cussi senza ma- lizia; le fazza del ben a sto povero pupillo. (paTle)

Marta. L’assicuro che in t’una compagnia el xe un oracolo (i). Basti AN. Stimo (e) che ’1 xe sempre de sto bon umor.

Domenica. Sempre cussi; el xe nato cussi, e ’1 morirà cussi.

Marta. Xe vero, che tra lu e Polonia ghe sia qualcossa? (d)

Domenica. Oh! la se fegura. El dise. Ma in quella testa crédela che ghe sia fondamento? Eia si piuttosto credo che la ghe tenderia (e), se 1 disesse dasseno (/). Basti AN. Ghe dirò: el xe cussi allegro, maturlo; ma ai so in- teressi el ghe tende. (a) Una padelletta di castagne arrostite, (i) Un uomo eccellente, fatto a posta. (e) Ammiro, (d) Qualche buona intelligenza? Qualche principio di matrimonio? (e) Che ci applicherebbe. (/) Se dicesse davvero.