Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/156



Bastian. Qualo? Quello... 146 JITTO PRIMO

Bastian. Ghe taggierave le ongie.

Elenetta. Che ’1 se consola, che so muggier no lo sgrafferà.

Marta. Dasseno! cossa voravela dir?

Bastian. (Eh! no ghe bade. No vedeu cossa che la xe?) (a Marta)

SCENA VII.

Domenica e detti.

Domenica. Oh! son qua; che i compatissa, se son stada un pochette troppo. I m’ha chiama in cusina; son andada a dar un’occhiada. Perchè, sala? se no hisse mi in sta casa, no se farave mai gnente.

Marta. Eh! savemo che putta che la xe.

Bastian. Quando magnemio sti confetti (a), siora Domenica?

Domenica. Oh! per mi? l’ha ancora da nasser (i).

Elenetta. (Sarave ora che ’1 fusse nato) (e).

Bastian. La diga: quanto xe che no la vede sior Anzoletto?

Domenica. Qualo sior Anzoletto?

Domenica. Chi quello?

Marta. Mo via con quella bocca che no poi taser. (a Bastian)

Bastian. Mi no digo gnente.

Domenica. (Come l’ali savesto, che tra Anzoletto e mi ghe xe) qualche prencipio? Non l’ho dito a nissun; no lo sa gnanca mio padre).

Elenetta. (Mo che zente, che se ne voi impazzar dove che no) ghe tocca!)

Domenica. Oh! vardè chi xe qua!

Bastian. Chi? sior Anzoletto?

Domenica. (Magari!) Sior Momolo, el manganar. (a) Intende di domandarle, quando si marita; poiché in occasione di nozze gli sposi dispensano i dolci. (b) Cioè, quello che dee essere mio marito, non e ancora nato; maniera di dire per una spezie di modestia affettata, (e) Ouesta frase e un poco satirica, ed Elena lo dice piano: vuol dire, che Do- menica e in un’età che dovrebbe essere maritata, o vicina a meiritarsi.