Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/155



Bastian. Oh! se fusse mi so mario... UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE 145

Marta. Maridada ia xe!

Elenetta. Servirla.

Marta. Vardè, vede! Mi no credeva.

Bastian. Permeitela? (siede presso di Elena)

Elenetta. (Oh caro! Perchè no se séntela arente de so muggier?) (guardando verso la scena, e scostandosi)

Bastian. Coss’è? No la voi che me senta arente de eia? (accostandosi)

Elenetta. La se comoda pur. Con grazia, (s’alza, e va a sedere) dall’altra parte.

Marta. (Mo la godo ben dasseno).

Bastian. Coss’è, signora? Cossa gh’ala paura? Cossa crédela che mi sia? (a Elena)

Elenetta. Caro elo, el compatissa. So che fazzo una mala creanza; ma se vien mio mario, poveretta mi.

Bastian. Xelo qualche vecchio sto so mario?

Elenetta. Oh! sior no; el xe zovene più de mi.

Bastian. E el patisse (l) sto boccon de malinconia?

Marta. Chi xelo so consorte?

Elenetta. Sior Agustin Menueli.

Marta. (Oh! lo cognosso. No me dago gnente de maraveggia).

Bastian. (L’ho dito, che noi podeva esser altro che un pampalugo).

Marta. Cossa vuol dir, che noi xe qua anca elo, sior Agustin?

Elenetta. Siora sì, che ’1 ghe xe. El xe andà de suso co sior santolo Zamaria. De diana! la vorave che fosse vegnua senza mio mario?

Marta. Saravelo un gran delitto? In casa de persone oneste e civil, no se poi andar qualche volta senza so mario?

Elenetta. Oh! mi no vago fora della porta senza de elo.

Bastian. E sior Agustin Io lassela andar? Lo lassela praticar?

Elenetta. De dia! ghe sgrafferave i occhi.

Elenetta. Cossa faravelo? (1) Così corregge il Cameroni nella serie seconda dei Capotaoori di C. C, Trieste, 1858. L’ed. Pasquali stampa, con errore evidente: E, patisse ecc.; e l’ed. Zatta: E patisse ecc.