Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/153



Domenica. Ghe vorla veramente ben a sior Agustin?

Elenetta. Se ghe veggio ben? De diana! Se stago un’ora senza de elo, me par de esser persa O.

Domenica. No diseli ch’el xe tanto un bon putto?

Elenetta. Siora sì, dasseno.

Domenica. E i cria donca?

Elenetta. Cossa disela? Se volemo ben, e tutto el dì se ma- gnemo i occhi.

Domenica. A mi mo, védela, sto ben noi me comoderia gnente affatto.

Elenetta. E mi son contenta, che no scambierave el mio stato con chi se sia.

Domenica. La gh’ha gusto a criar?

Elenetta. Crio, ma ghe voggio ben.

Domenica. E lu?

Elenetta. e lu el cria, e el me voi ben.

Domenica. Oh! cari.

Elenetta. Cussi la xe.

Domenica. Chi se contenta (a) gode.

Elenetta. Mi son contenta, e godo.

Domenica. (Oh siestu! e pò te pustu!) (b) Oh! xe qua siora Marta co so mario.

Elenetta. Chi xeli?

Domenica. No la li cognosse?

Elenetta. Oh! mi no cognosso nissun.

Domenica. I xe marcanti da sea; ma de quelli, sala? che ghe piove la roba in casa da tutte le bande.

Elenetta. Sia malignazo! Gh’ho suggizion. Me vergogno.

Domenica. Eh! via, cara eia; la lassa che la vaga a incontrar. (s’alza, e Va incontro a Marta) (a) Cioè, ch’è contento, (b) Espressione che spiega la maraviglia, che difficilmente si può tradurrre in toscano; vuol dire a poco presso: che tu sia.... che tu possa.... ma non spiega davantaggio. ( I ) Smarrita d’animo.