Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/152



Agustin. Mi? De diana! che la diga eia, se ghe voggio ben.

Elenetta. e mi, sior? Podeu dir che no ve ne voggia?

Agustin. Mi no digo ste cosse.

Zamaria. V ave tolto con tanto amor.

Elenetta. E se no l’avesse fatto, lo torneria a far.

Zamaria. Sentìu come che la parla? (a agustin)

Agustin. In quanto a questo, anca mi, se no l’avesse sposada, la sposeria.

Zamaria. Via, sieu benedetti! Me consolo de cuor.

Agustin. Ma quella so ustinazion, mi no la posso soffrir.

Elenetta. Cossa ve fazzio?

Agustin. Tutto el dì la me brontola.

Elenetta. Perchè gh’ho rason.

Agustin. Per cossa gh’aveu rason?

Elenetta. Perchè gh’ho rason.

Zamaria. Oe! volemio fenirla? Fiozzo, vegnì con mi, che ve voi mostrar un drapetto eh e gh’ho sul teler, che no ve de- spiaserà.

Agustin. Sior sì. Lo vedere volentiera.

Zamaria. Sentì, floi; mi ve parlo schietto. Sta sera gh’ho voggia de devertirme; v’ho invida con tanto de cuor; ma musoni (a) no ghe ne voggio; e criori no ghe ne voggio sentir. Se ve piase, paroni; se no ve piase, aida (b). M’aveu capìo? Andemo. (parie, conducendo via Agustino)

SCENA IV.

Elenetta e Domenica.

Elenetta. In verità dasseno, per non darghe desturbo, squasi squasi anderave via.

Domenica. Eh! via, cara eia, la lassa andar.

Elenetta. Mo, no sentela? (a) Grugni, collere. (A) Aida, andate via: questa parola io non la credo veneziana; ma e adottata ed usata comunemente.