Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/150



Zamaria. Oh! via. A monte le cerimonie. Mette zoso el tabarro e ’1 capello. (a Agustin)

Agustin. (Vuol metter il tabarro sul tavolino.)

Zamaria. De là, de là, in queir altra camera.

Agustin. (Va a metter giìi ecc. e poi toma.)

Domenica. La vegna qua; la resta servida. (fa sedere Elenelta)

Zamaria. Fiozza, senza gnente in testa sé? No gh’ave paura de sfredirve?

Elenetta. Cossa volévelo che me mettesse, el zendà (a)?

Zamaria. No gh’ave una prigioniera (è)?

Elenetta. La gh’ho, ma no me l’ho messa.

Domenica. Mo che caro sior padre! L’ha da ballar, e el voi che la se desconza la testa!

Zamaria. In verità che vualtre donne sé belle (e); sé belle, da ga- lantomo. Ora ve mette in testa un stramazzo (d), ora andè colla testa nua (e).

Domenica. Eh via, caro elo; cossa salo elo?

Elenetta. Voleva metterme qualcossa in testa, e Agustin no ha volesto.

Zamaria. Per cossa no alo volesto?

Elenetta. Perchè el m’ha conzà elo.

Zamaria. Oh bella! el v’ha conzà elo? Per cossa?

Elenetta. Perchè mio mario no voi peructhieri per casa.

Zamaria. El v’ha conzà elo? Bravo, pulito. Oe, fiozzo, vegnì qua. L’ave conzada da frizer vostra muggier (/).

Agustin. Per cossa?

Zamaria. No seu sta vu, che l’ha infarinada?

Agustin. Oh! che caro sior santolo! (a) Quel manto di zendado, o di taffetà nero, che portano le donne or- dinariamente in Venezia, e che loro copre il capo e la vita, sino alla cintura. (b) Una specie di cappuccio di seta, nero. (e) Particoleiri, stravaganti, (d)

Matterazzo. (e) Nuda, scoperta. (/) Qui Zamaria si serve per ischerzo di una frase equivoca: conzar da frizer, vuole dire in Veneziano ridurre a mal partito; e il dirlo ad un manto, rispetto alla moglie, parrebbe che si volesse imputargli di aver data una cattiva malattia alla stessa; ma qui intende di dire, che r ha accomodata da friggere, perchè l’ha infarinata.