Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/149



Zamaria. L’ho invida, l’ho prega, ho fatto de tutto per obli- garlo a vegnir, e no gh’è sta caso. El dise ch’el gh’ha un impegno, che noi poi vegnir.

Domenica. Me despiase; perchè el xe unico per tegnir in vivaC) una conversazion. Donca co la mistra saremo diese.

Zamaria. Sìora sì, a tola saremo diese; e fé parecchiar de là (a) per i putti.

Domenica. Sior sì.

Zamaria. E deghe anca a lori le so possade d’arzento, e la so bozzetta de vin de Cipro.

Domenica. Eh! a lori podemo dar del moscato.

Zamaria. Siora no? voi che i magna e che i beva de tutto quel che magnemo e bevemo anca nu.

Domenica. Oh! xe qua sior’Elena e sior Agustin.

Zamaria. Oh! via, bravi; i ha fatto ben a vegnir. Scomenzemo a aver un pochetto de compagnia.

Domenica. (Mi vorave che vegnisse sior Anzoletto).

SCENA III.

Agustin, Elenetta e i suddetti.

Zamaria. Oe, fìozza!

Elenetta. Sior santolo (è), patron.

Zamaria. Bondì, fìozzo.

Elenetta. Patrona, siora Domenica.

Domenica. Sior’Elena, patrona.

Agustin. Patrona. (a ’Domenica)

Domenica. Patron. (ad Agustin)

Elenetta. Semo qua a incomodarli.

Domenica. Cossa dìsela? La ne fa finezza. (a) In un’altra camera. (i) Patrino. (I) Così in tutte le antiche edizioni.