Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/148



Domenica. Bon el xe? E mi ho sentio a dir, che tutto el dì mario e muggier no i fa altro che rosegarse (a).

Zamaria. Saveu perchè? Perchè i se voi ben. I xe tutti do zelosi, e per questo ogni men de che (b) i ha qualcossa da tarocar; da resto, quel putto? el xe l’istessa bontà. Cussi te ne capitasse uno a ti.

Domenica. Mi? de diana! Un mario alocco no lo torave, se el me cargasse de (e) oro.

Zamaria. Cossa voressistu? Un spuzzetta()? Un scartozzetto(2)? Che te magnasse tutto? Che te fasse patir la fame?

Domenica. No ghe n’è dei putti che gh’ha del spirito, e che xe boni?

Zamaria. Mi ho paura de no.

Domenica. Eh! sior sì che ghe n’è. (modestamente, ma con ar-) tifizio, mostrando ch’ella ne ha qualcheduno in veduta.

Zamaria. Molto pochi, fia mia.

Domenica. E cussi? 1 alo minzonai (e) tutti quelli che ha da vegnir?

Zamaria. Aspettè. Chi oggi© dito?

Domenica. No me par che r aveva dito de invidar sior Anzo- letto dessegnador?

Zamaria. Ah! sì ben. Anca elo.

Domenica. (Questo giera quello che me premeva).

Zamaria. Tornemo a dir: mio compare...

Domenica. Eh! sior sì; m’arecordo tutti. I xe sette, e nu do che fa nove.

Zamaria. E la mistra (/), che fa diese.

Domenica. Quala mistra?

Zamaria. La fila oro.

Domenica. Oh! gh’ho gusto che vegna siora Polonia. El do- veva invidar anca sior Momolo manganer. (a) Che rodersi, che gridare insieme. (6) Ad ogni menoma occasione, (e) Caricasse. (e/) Un amorino. (e) Nominati. (/) La maestra, cioè una donna ch’è alla testa di qualche mestiere o di qualche negozio. (I) Voi. Il della presente edizione, pp. 105 e 144.