Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/147



Domenica. E so muggier?

Zamaria. Anca siora Marta.

Domenica. Siora Marta se degnerala mo de vegnir?

Zamaria. Per cossa no s’averavela da degnar?

Domenica. So che la sta sull’aria (’); che la pratica tutte le prime signore de Marzaria (a); che la va in te le prime conversazion.

Zamaria. E per questo? Nu cessa semio? No podemo star al pari de chi se sia? Songio qualche laorante? Son paron anca mi. Negozio col mio; non ho da dar gnente a nissun. E pò, cossa serve? Siora Marta? xe la più bona creatura de sto mondo. Credeu, perchè la sta ben, perchè la gh’ha dei bezzi, che la sia superba? Gnanca per insonio; vedere, vedere co alle- gramente che la ne farà star.

Domenica. E chi altri vien, sior padre? Vienla sior’Elenetta?

Zamaria. Siora sì. No voleu che abbia invida mia fiozza(i) Elenetta?

Domenica. E so mano?

Zamaria. S’intende. Anca mio fiozzo Agustin.

Domenica. Mo co a bon’ora che quel putto s’ha maridà!

Zamaria. E1 s’ha manda, perchè bisognava ch’el se mandasse. Sto matrimonio l’ho fatto mi. El xe resta fio solo, senza padre, e senza madre. L’ho fatto passar capo mistro (e) tester. L’ha tolto in casa sta putta; la gh’ha dà dei bezzetti (J); la gh’ha una madre (2), che perei teler xe un oracolo; la sta con lori...

Domenica. So madonna (e) sarà un oracolo; ma Agustin xe el più bel pampalugo (/) del mondo.

Zamaria. Cossa saveu?

Domenica. No se védelo!

Zamaria. El xe ben altrettanto bon. (a) Per signore di Merceria s’intendono le mercantesse più ricche, le quali abitano ordinariamente nel recinto, detto Marzaria o Mercerìa. (b)

Figliozza. (e) Maestro tessitore ((/) De’ quattrini, cioè buona dote. (e) Sua suocera. (/) Sciocco, babbuino. (I) So che si dà aria, che ha della boria. (2) Nell’ed. Zaita è stampato mare, pare.