Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/146



la testa, ora ghe diol el stomego, ora ghe vien le fumane (0.) 136 JlTTO PRIMO

Domenica. E sì, (a) tra conzarme e vestirme, a un’ora e un quarto no ghe son arri vada.

Zamaria. Brava! Ti xe una putta de garbo.

Domenica. E avanti de prencipiar, son andada in cusina; ho dà i mi ordeni; ho agiulà a far suso i raffioi (i); ho fatto metter el stuffà in pignatta (e), e ho volesto metterghe mi la so conza; ho fatto che i torna a lavar el pollame (d); ho fatto el pien alla din- dietta (e); ho volesto veder a impastar le polpette; ho dà fora el vin; ho messo fora la biancaria. No me manca altro che tirar fora le possae (’), le sottocoppe, e quelle quattro bottiglie de vin de Cipro.

Zamaria. Mo via; mo se lo so; mo se ti xe una donnetta de garbo.

Domenica. A cena in quanti saremio, sior padre?

Zamaria. Aspetta. No m’arecordo. Mio compare Lazaro co so muggier (/).

Domenica. Credemio (g) che la vegna sior’Alba?

Zamaria. La m’ha dito de sì. Per cossa no averavela da vegnir?

Domenica. No salo, che cossa lessa (h) che la xe? La gh’ha sempre mal. No la magna, no la parla, no la sa zogar: ora ghe diol

Zamaria. Cossa vustu far? Sior Lazaro el xe mio compare. El xe anca elo della mia profession; gh’avemo insieme dei ne- gozietti. Qualcossa bisogna ben sopportar.

Domenica. E chi altri ghe sarà?

Zamaria. Ho invida sior Bastian.

Domenica. Sior Bastian Caparetti?

Zamaria. Siora sì. Anca elo; perchè el xe mercante da sea (2), ch’el me dà tutto l’anno da laorar. (o) Eppure. (i) Ho aiutato a fare i ravioli. (e) Lo stuffato nella pentola. (a) I polli. (e) Cioè ha empito un gallo d’india novello di cose deliziose a mangiare. (/) Con sua moglie, (g) Crediamo noi ecc. (A) Che cosa allessa; cioè che donna patetica, melanconica, di poco spinto. (/’) 1 vapori. (1) Le posate. (2) Seta.