Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/145


UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE 135

Zamaria. Una putta?

Cosmo. La vegnirà co so mare.

Zamaria. Chi ela?

Cosmo. Tognina, fia de siora Gnese, che incanna seaa.

Zamaria. Coss’è? Com’èla? Gh’è pericolo che sta putta perda el giudizio?

Cosmo. Per cossa?

Zamaria. Gh’è pericolo che la te creda?

Cosmo. Cossa songio?

Zamaria. Un furbazzo, un galiottob, che ghe n’ha burlà cinque.

Cosmo. E una siec. Patron, grazie. La farò vegnir. A bon reverirla. (parte)

SCENA II.
Zamaria, poi Domenica.

Zamaria. Pecca de costù! el gha un’abilitadazza terribile; ma nol ghe tended. I fa cussì costori. I laora co i gh’ha bisogno; e co i gh’ha un ducato, a revederse fina che l’è fenìoe. M’ha piasso anca a mi a devertirme, e me piase ancora; ma per diana de dia! ai mii interessi ghe tendo; e son quel che son, a forza de tenderghe e de laorar. Sior sì, sfadigarse co se ghe xe, e goder i amici ai so tempi, alle so stagion.

Domenica. Oh! son qua, sior padre. Oggio fatto presto a vestirme?

Zamaria. Brava! chi t’ha conzà?(f

Domenica. Mi; da mia posta.

Zamaria. Mo va là, che ti par conzada dal Veroneseg.

  1. Che incanna la seta.
  2. Questi termini di furbo, di galeotto, qui non sono ingiuriosi, ma scherzevoli.
  3. Cioè, questa sarà la sesta.
  4. Non si bada.
  5. Non si vedono più, finchè il ducato sia finito.
  6. Chi ti ha assettato il capo?
  7. Un uomo della città di Verona, che in quel tempo aveva grandissima riputazione per assettare le donne elegantemente.