Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/144



Cosmo. Oe (a), stassera no sentiremo la realtina(i) al teler (’). (agli) altri giovani.

Zamaria. Ah! baron (e), veh! lo so che ti gh’ha manco voggia dei altri de laorar. Pecca, pecca che no ti applichi, che no ti voggi tender al sodo. Se ti voi, ti xe un bon laorante; e se ti volessi, ti deventeressi el più bravo testor(J) de sto paese. Ma, sia dito a to Gnor e gloria (e) no ti gh’ha volontà de far ben.

Cosmo. No so cossa dir. Poi esser anca, che la diga la verità.

Zamaria. Oh! via, per stassera no disemo altro. Devertimose, e che tutti goda. Doman pò, sior Cosmo carissimo, de drio(/) a quel drapetto (g). Vu, sior Baldissera, domattina a bonora andè dal manganer a veder se i ha dà l’onda a quel amuer(2); e vu, sior Martin, scomenzerè a ordir quel camelotto(3) color de gazìa ih).

Martin. Benissimo; e adesso cossa vorla che femo?

Zamaria. Adesso andè de là; vardè se a mia fia ghe bisogna gnente; fé qualcossa se ghe n’ave voggia; e se no savè cossa far, tolè el trottolo (/), e devertive.

Martin. Oh, che caro sior patron! Almanco el xe sempre aliegro. [parie

Baldissera. La diga. Balleremio anca nu un per (4) de balloni?

Zamaria. Sior sì. No se salo? Ha da ballar tutti; ballerò anca mi.

Baldissera. Grazie; evviva; oh che gusto! (El xe un vecchietto) che propiamente el fa voggia (/)). (parte)

Cosmo. La diga, sior patron: me dala licenza (m) che alla festa fazza vegnir una putta? (a) Ehi! (b) La Realtina significa una campana che si suona a San Giacomo detto di Rialto tutte le sere da lavoro, variando l’ora secondo le stagioni; ed al suono di questa campana i lavoranti cessano di travagliare, e se ne vanno pe’ fatti loro. Qui Cosmo intende di dire, che in questa sera non lavoreranno al telaio sino all’ora della Realtina. (e) Birbone, in senso scher- zevole, (d) Tessitore. (e) Ironico. (/) Dar drio, mettersi a fare, a lavo- rare, (g) Stoffetta leggera. (A) Gaggia. ((’) Trottola. (/) Consola, cioè fa venire la volontà di abbracciarlo per piacere, per consolazione. (rrì) Mi permette, mi dà la permissione. (I) Stando al telaio. (2) Moerro. (3) Cammellotto o cambellotto. (4) Un paio.