Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/103



Isidoro. Orsù chi voi, voi; e chi no voi, so danno. Vualtri a bon conto. Checca e Toffolo, deve la man.

Toffolo. So qua.

Checca. So qua anca mi.

Orsetta. Sior no, fermève, che m’ho da mandar prima mi.

Isidoro. Animo, Beppo, da bravo.

Beppo. Oe, mi no me farò pregare.

Lucietta. Sior no, se no me marido mi, no ti t’ha maridar gnanca ti. (a Beppo)

Pasqua. E la gh’ha rason Lucietta.

Toni. E mi cossa soggio? Mi no gh’ho da intrare? A mi no s’ha da parlare?

Isidoro. Voleu che ve la diga? Ande al diavolo quanti che se, che son stuffo. (in atto di partire)

Checca. Via, che noi vaga. (a Isidoro)

Fortunato. Tissimo(a). (a Isidoro)

Orsetta. Che el se ferma. (a Isidoro)

Fortunato. Tissimo. (a Isidoro, fermandolo)

Lucietta. Che el gh’abbia pazenzia. (a Isidoro)

Isidoro. Per causa vostra tutti i altri torrà de mezzo, (a Lucietta)

Lucietta. Via, lustrissimo, che noi me mortifica più davantazo. Per causa mia no voggio che toga de mezzo nissun. Se son mi la cattiva, sarò mi la desfortunà. Noi me vuol Titta Nane? Pazenzia. Cossa gh’oggio fatto? Se ho dito qualcossa, el m’ha dito de pezo elo. Ma mi ghe voggio ben, e gh’ho perdona, e se elo no me voi perdonare, xe segno che noi me vuol ben. (piange)

Pasqua. Lucietta? (con passione)

Orsetta. Oe, la pianze. (a ’Unta Nane)

Libera. La pianze. (a Tuta Nane)

Checca. La me fa peccao. (a Titta Nane)

Titta Nane. (Maledìo! Se no me vergognasse!)

Libera. Mo via, pussibile che gh’abbiè sto cuor? Poverazza! Vardè se no la farave muover i sassi. (a Titta Nane) (a) Illustrissimo.