Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/102



Pasqua. Sì, sì, marìo, farò pase. (mortificata s’accosta)

Isidoro. Oh bravo! Oh bravo! Oh co bravo!

Libera. Vie qua, Pasqua.

Pasqua. So qua, (s’abbracciano)

Libera. Anca VU, putte. (tutte s’abbracciano e si baciano)

Isidoro. Brave, e viva; e che la dura fin che la se rompe.

SCENA ULTIMA.

Pawn VicENZo, Titta Nane, Toffolo e detti; poi Servitore.

VlCENZO. Semo qua, lustrissimo.

Isidoro. Oh, vegnì qua, Titta Nane, adesso xe el tempo che mi ve fazza cognosser se ve voi ben, e che vu fé cognosser che sé omo. VlCENZO. Gh’ho tanto dito anca mi a Titta Nane, che el me par mezzo a segno; e gh’ho speranza che el farà tutto quello che vuole el lustrissimo siò cogitore.

Isidoro. Via donca, mandè a monte tutto. Tornè amigo de tutti, e disponeve a sposar Lucietta.

Titta Nane. Mi, lustrissimo? No la sposo gnanca se i me picche.

Isidoro. Oh bella!

Lucietta. (Mo no xele cosse da pestarlo co fa (a) el baccalà!)

Pasqua. Oe, senti: se ti credessi che t’avesse da toccare Checca, vara ve’, la s’ha da sposare co Toffolo. (a Titta Nane)

Fortunato. E mi cento uccati e dago. (I)

Titta Nane. Mi no ghe ne penso, che la se spose co chi la vuole.

Isidoro. E perchè no voleu più Lucietta? (a Titta Nane)

Titta Nane. Perchè la m’ha dito va in malora, la m’ha dito.

Lucietta. Oh, vara ve’! E a mi cossa no m’astu dito? (a) Come. (I) Eld io le do cento ducati.