Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/100

92 ATTO TERZO

Isidoro. Via donca; la xe giustada. Se no volè che Checca se marida prima de vu, e vu deghe la man a Beppo avanti de ela. (a Orsetta)

Orsetta. Cossa diseu, sorella? (a Libera)

Libera. A mi ti me domandi?

Fortunato. Fala bella, Orsetta. Fala bella, fala bella, (eccita con allegria Orsetta a maritarsi.)

SCENA XXIII.
Lucietta e detti.

Lucietta. Come, puoco de bon! Sior omo senza reputazion, averessi tanto ardire de sposare culìa che n’ha strapazzà. (a Beppo)

Isidoro. (Meggio da galantomo!)

Orsetta. Cossa xe sta culìa? (a Lucietta, con calore)

Libera. Oe, no se femo in visserea.

Fortunato. Olà, olà, olà.

Beppo. Mi no so cossa dire, mi no so cossa fare, mi me vôi maridare.

Lucietta. Mi prima m’ho da maridare; e fin che ghe so mi in ca, altre cugnà no ghe n’ha da vegnire.

Isidoro. Mo perchè no la marideu? (a Beppo)

Beppo. Perchè Titta Nane la gh’ha licenzià.

Isidoro. Va là, Toffolo; va in piazza sotto el portego dal barbier; dighe a paron Vicenzo che el vegna qua, e che el mena qua Titta Nane, e che i vegna subito.

Toffolo. Tissimo sì. Checca, vegno ve’, vegno. (parte)

Lucietta.(Co Checca xe novizza co Marmottina, mi de Titta Nane no gh’ho più zelusia). (da sè)

Isidoro. Ghe xe caso, donne, donne, che no digo altro, che voggiè far pase, che voggiè tornar a esser amighe?

Lucietta. Se ele no gh’ha gnente co mi, mi no gh’ho gnente co ele.

Isidoro. Cossa diseu? (a Libera, Orsetta e Checca)

  1. Questa frase strettamente vorrebbe dire: non ci strappiamo le viscere, e non ci caviamo il cuore; ma ordinariamente significa: non mi provocate.