Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/387


I MORBINOSI 381
Tonina. Perchè?

Anzoletta.   Perchè con lori no i voi done a disnar.
Tonina. Ma credeu che là drente no ghe ne sia nissuna?
Anzoletta. Oh siora no, dasseno, no ghe n’è gnanca una.
Tonina. Vardè, no me burlè.
Betta.   Gh’ala qualche sospeto?
Tonina. Me vorave fermar. Gh’avaressi un liogheto?
Betta. Ala disnà gnancora?
Tonina.   Mi no.
Betta.   Vorla disnar?
Che la vegna da mi; ghe l’anderò a comprar.
Ghe farò una fortaggia1. Conzerò2 la salata;
Gh’ho dela latugheta, tenera nome3 nata.
Che la resta servida, la menerò in te l’orto.
Se vorla devertir? No la me fazza torto.
Tonina. (Certo "sta gran premura, che ha mostrà Giacometo,
De vegnir coi amici, m’ha messo in tun sospeto.
No credo, se no vedo, che done no ghe sia.
Alfin son so muggier, posso aver zelusia). (da sè)
Andemo; son con vu. (a Betta, e parte)
Betta.   Che la resta servida.
La servirò pulito, se de mi la se fida.
Pute, cossa diseu? Anca questa xe bona.
Se la vorà magnar, oe, no sarò minchiona. (parte)
Anzoletta. Eh, la sa far pulito. (a Catte)
Catte.   Chi xe mai sta signora?
Anzoletta. Vatela a cata ti4. Mi no lo so gnancora.
Catte. Che la sia una lustrissima?
Anzoletta.   Mi no so in verità;
Ma anche delle lustrissime ghe n’è da bon mercà.
Catte. Ti disi ben, sorela. No le gh’ha pan, gramazze,
E el lustrissimamento el va per le scoazze5.

  1. Frittata.
  2. Condirò.
  3. Avv.: testè, appena. V. Boerio.
  4. Vattel’a pesca. Catar, trovare.
  5. Spazzature. Vol. XIII, 315.