Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/196

190 ATTO QUINTO
Ghe lo dirò a sior pare, lo farò dir de sì.

Ve podeu lamentar? v’ho fursi desgustà?
Ferdinando. Dolermi? anzi vi lodo.
Felice.   Oh, Zanetto xe qua.

SCENA II.

Zanetto e detti.

Zanetto. Forti, siora Marina, e stè sull’onor mio.

Questo, ghel digo in fazza, xe un ottimo partio.
Senza difficoltà podè sposarlo in pase,
El xe un bon cittadin, che gh’ha poderi e case;
El xe un bon Milanese. Un omo cognossù.
Galantomo, onorato; no se poi far de più.
Ferdinando. Signor, la bontà vostra per verità mi onora.
Felice. Aveu sentio. Marina? seu contenta gnancora?
Marinetta. Adesso me vergogno de no averghe credesto.
Ferdinando. Ah no, in simili casi il sincerarsi è onesto.
S’io fossi un impostore, scoprirmi avrei temuto;
Un galantuom desidera di essere conosciuto.
Tonina. Oh sior, la mia patrona, la sa quel che la fa.
Se la va via, la diga, me lasserala qua?
Marinetta. Ti vegnirà con mi; tasi, che tel prometto.
Tonina. Me despiaserà un poco de lassar sior Zanetto.
Ma cussì so muggier no la sarà zelosa.
Felice. Sentela, sior mario? Xela la so morosa?
Zanetto. Cossa ghe salta in testa? Ghe lo digo sul muso.
No ghe ne dago un bezzo.
Felice.   Cossa diseu? tiò suso1.
(a Tonino)
Tonina. Sì ben, sì ben, sti siori, lo so quel che i sa far:
I ghe tende alle donne, co ghe xe da magnar.

  1. «Togli su»: Cameroni.