Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1912, XV.djvu/192

184 ATTO QUINTO

Suocero, non temete, Conte, amici, consorte.

Mai più contradizioni, mai più sino alla morte.
E voglia il ciel che possa con questa mia lezione
Guarir qualche altro Spirito di contradizione.
Signori miei, se alcuno ne aveste per l’idea.
Potete l’istoriella narrar di Dorotea.
Ma di tali caratteri tutta la terra è piena,
E il loro cambiamento è favola da scena.

Fine della Commedia.