Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1912, XIV.djvu/46

40 ATTO SECONDO

E il punto indivisibile rispetto alla figura,

Dividere pretendo almen per congiettura.
So che l’impegno è grande, ma il fondamento è sodo;
Mancami sol ch’io trovi per eseguirlo il modo.
Taus. Ho ben io ritrovata la causa e il fondamento (s’alza)
Del flusso e del riflusso del liquido elemento.
Bainer. A parte i buoni amici render di ciò conviene.
Taus. Il flusso ed il riflusso del mar dunque proviene
O da una forza elastica, che in fondo al mar s’aduna,
O dai violenti influssi del corso della luna,
O un moto sotterraneo rende quell’onde instabili.
Tutte ragioni vere, o almen tutte probabili. (parte)

SCENA VI.

Monsieur Bainer, monsieur Guden.

Guden. Signor, queste figure in casa vostra unite,

Che s’intende che sieno?
Bainer.  Dirò, non istupite.
Vengono a favorirmi cotai filosofastri,
Che presso il basso volgo vonno passar per mastri,
E par loro che giovi dire al mondo ingannato:
Di Bainer frequentiamo lo studio accreditato.
Li soffro qualche volta, di tutti amico io sono:
Esce dai sciocchi ancora talvolta un pensier buono.
E la filosofia, ch’è il studio a me diletto,
Anche con questo mezzo aprir può l’intelletto.
Le stolidezze altrui fanno studiar di più,
E fan miglior concetto aver della virtù.
Guden. So che quel signor medico con sua caricatura
Mi avea cacciata intorno una bella paura.
Bainer. Non temete niente; son qui tutto per voi:
Oggi restar vi prego a desinar con noi.
Di voi ho buon concetto; per voi ho della stima;
Si dan di quegli incontri, che piacciono alla prima.