Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1912, XIV.djvu/399


LA VEDOVA SPIRITOSA 391

Isidoro.  Presto, che diano in tavola.

(a Paoluccio)
Paoluccio. Comanda ella, signore? (a don Isidoro)
Isidoro.  Va a far quel che ti ho detto.
(a Paoluccio)
Paoluccio. (Vo’ che il forestier venga; vo’ farlo per dispetto).
(da sè, e parte)

SCENA VII.

Don Berto, don Anselmo, don Isidoro, poi don Ferramondo.

Anselmo. Visite tutto il giorno?

Isidoro.  Le visite a quest’ora?
Anselmo. Fatela rinserrare.
Berto.  Sì sì, non vedo l’ora.
Isidoro. Pensate, se vogliamo che venga a far rumori
Contro la nostra tavola.
Ferramondo.  Servo di lor signori.
Isidoro. Come! non ve l’han detto che a tavola si va?
Ferramondo. Chi è il padrone di casa? (a don Anselmo)
Anselmo.  Signore, eccolo qua.
(accennando don Berlo)
Berto. Son io, ma mi riporto a questi amici miei.
Ferramondo. Non siete voi don Berto?
Berto.  Son servitor di lei.
Isidoro. Di grazia... (a don Ferramondo)
Berto.  (State zitto.)
(piano a don Isidoro; mostrando aver paura)
Ferramondo.  Signor, vi son tenuto,
Che in ora così incomoda mi abbiate ricevuto.
Cercai di donna Placida; mi disse il vostro servo,
Che pria da voi venissi, e i vostri cenni osservo.
Berto. Anzi mi favorisce.
Isidoro.  (Ah schiuma de’ bricconi!
Paoluccio me l’ha fatta.) (da sè)
Anselmo.  Anzi, la mi perdoni,