Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1912, XIV.djvu/245


LA PUPILLA 237

ATTO QUINTO.

SCENA PRIMA.

Quaglia travestito, Orazio.

Quaglia. O noi troviamo messer Luca in camera

Colla fanciulla, e pianto una pastocchia;
O è fuor di casa, com’io credo, il vecchio,
E Caterina ha da cadere in trappola.
Orazio. Ma per l’inganno i’ non vorrei che poscia
Si corrucciasse la donzella, e avessimi
Dalla sua bocca a meritar rimproveri.
Quaglia. E’ non crediate già, che dal coniglio
Cerva si cacci, ma le fere sbucansi
Dai veltri audaci e dai corsier più rapidi.