Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/79


IL MOLIERE 69

          Bejart.Ah temeraria, indegna! Vuoi tu rimproverarmi?
          Isabella.Signora, qual ragione avete or di sgridarmi?
          Bejart.Vattene alle tue stanze. Spogliati, e vanne a letto.
          Foresta, l’accompagna.
          Isabella. (Io fremo di dispetto.)
          Ah! se Molier mi sposa, saremo allor del pari.
          Ve’ farle scontar tutti questi bocconi amari).1
          (parte con Foresta)

SCENA V.

La Bejart, poi Moliere.

          Bejart.Vo’ al perfido Moliere parlar da solo a sola2,
          Di non amar mia figlia vo’ che mi dia parola;
          O in altra compagnia verrà Isabella meco3.
          Vedrà Molier chi sono, se più non m’avrà seco.
          Faccia commedie buone, tutte riusciran male;
          Se manca la Bejart, la compagnia che vale?
          Io son che il maggior lustro alle commedie ho dato.
          Ed ora con gli scherni mi corrisponde, ingrato?
          Ah! benchè ingrato, io l’amo: amica ancor gli sono,
          E se perdon mi chiede, ogn’onta io gli perdono.
          Eccolo.
          Moliere. Oh piacer sommo de’ fortunati autori!
          Ben sofferte fatiche! Oh ben sparsi sudori!
          Deh, lasciatemi in pace goder per un momento.
          Questo che m’empie l’alma insolito contento. (alla Bejart)
          Perdono a tutti quelli che m’han tenuto in pena;
          Farmi perciò più dolce la gioia, e più serena.
          Tutti mi sono intorn amici ed inimici.
          Con fortunati auguri, con generosi auspici,
          E quei che l’Impostore avean spregiato in prima,
          Per l’applauso comune, or l’hanno in alta stima;

  1. Segue nelle edd. Bett., Pap. ecc.: «For. Andiamo. (E il bacchettone là dentro se ne stia, - Coi topi e con i ragni in buona compagnia)».
  2. Bett. e Pap.: Restar, fin che ritorna Molier, voglio qui sola.
  3. Bett.: andrò con essa meco.