Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/521


505


ATTO SECONDO.

SCENA PRIMA1.
Arlecchino.

Sia maledetto el far sta vita! No se pol dormir, no se pol bever, no se pol magnar, che sempre bisogna esser in faccende. Adesso gh’ho da spazzar la Camera. Anemo, Arlecchin. Za bisogna farlo (si mette a spazzare cantando): l’è mo che se no la sarà spazzà pulita, ghe sarà tanto strepito, che no ghe ne xe tanto in t’un mercà da donne. La patrona la xe una bestia, e se la vede un sporchezza, gramo mi. Oh, adesso che tira via qua una scarpìa (alza la scopa per levare una ragnatela). Ma no gh’arrivo gnanca. Se podesse co un salto chiapparla (salta, ed abbassando la scopa, la dà sulla testa a Brighella).

SCENA II.
Brighella e detto.

Brighella. Uh! uh! No ti ghe vedi? M’at tolto per un ragno?

Arlecchino. Oh paesan, compatissime, perchè son in faccende, e se no fazzo presto e pulito, la patrona me coppa.

Brighella. Me n’accorzo che ti xe in faccende, perchè ho battù e gh’ho chiamà, e no ti m’ha sentio, onde me son resolto de vegnir avanti.

Arlecchino. Vot gnente, paesan?

Brighella. Ch’ho una lettera da dar alla siora Marchese.

Arlecchino. Da qua, che ghe la darò mi.

Brighella. No posso dartela, perchè ghe l’ho da consegnar in man propria.

Arlecchino. Ma no faremo gnente, perche adesso la patrona la xe come un salata.

  1. Questa e le due scene che seguono si trovano stampate in corsivo nell’ediz. Bettinelli, e non appartengono a Goldoni: come si legge nella prefaz. dell’ed. Paperini.