Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/494

478 ATTO SECONDO

Corallina. Eh no, signora ...

Rosaura. Vattene di questa casa, o ti farò gettare dalla finestra.

Arlecchino. Eh, anderò per la scala. Ma mi, signora ...

Rosaura. Va via, e se ci tomi più, ti farò romper le braccia.

Arlecchino. Obbligatissimo dell’avviso. (Qua no i me vede più). (da sè, parte)

Corallina. Ma egli, signora mia ...

Rosaura. Colui non lo voglio in casa mia, e non voglio ch’egli sappia il perchè. Vieni meco. (parte)

Corallina. Ora la capisco. Ne sa più di me. Oh, questa sì è una moglie savia e prudente! (parte)

SCENA XV.
Camera in casa della Marchesa.
La Marchesa Beatrice, poi il Servitore.

Beatrice. Più che rifletto alle parole artificiose di Rosaura, più sento al vivo le punture del suo ragionamento. Sono offesa e non so il modo di vendicarmi. Il Conte potrebbe farlo, ma non vorrà o non saprà, e a me non conviene sollecitarlo. Orsù, per primo capo di mia riputazione, tronchisi questa pericolosa amicizia. Si congedi il Conte, e più non venga in mia casa. L’ho mandato a chiamare, e non viene. Anch’io con un viglietto gli spiegherò il mio sentimento. Ehi. (chiama)

Servitore. Signora, è qui il signor conte Ottavio.

Beatrice. Venga, venga (che viene a tempo). (da sè) Non voglio altro scrivere. (servitore parte) Venga, ma per l’ultima volta.

SCENA XVI1.
Il Conte Ottavio e detta.

Ottavio. Signora mia ...

Beatrice. Conte, in casa mia non ci venite più.

Ottavio. Come!...

  1. È unita nell’ed. Bett. alla scena precedente.