Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/492

476 ATTO SECONDO

Arlecchino. Grazie infinite. Padrona de tutto. (con ironia)

Brighella. Caro paesan, sè un omo curioso.

Arlecchino. La saria bella; semo paesani: avemo la patria in comun: podemo aver in comun anca la muier.

Corallina. Orsù, che cosa siete venuto a far qui, padron mio?

Arlecchino. A reverirla devotamente.

Corallina. E non altro?

Arlecchino. E anca qualcossa altro. Gh’elo el to padron? (a Brighella)

Brighella. El gh’è, ma l’è sulle furie; no se ghe pol parlar.

Arlecchino. Avena da farghe un’imbassada.

Brighella. Per parte de chi?

Arlecchino. Per parte della me padrona.

Corallina. (Oh che caro mezzano!) (da sè)

Brighella. Dimel a mi, che vedrò se ghe posso parlar.

Arlecchino. Senti. Con grazia, padrona bella. (a Corallina, tirando Brighella in disparie) (La me padrona me manda a dir al to padron, che sta mattina ... Ma no, prima che la lo reverisse). (piano a Brighella)

Brighella. Za el se gh’intende.

Corallina. Con sua licenza, voglio sentire ancor io. (s’accosta)

Arlecchino. Padrona, la se comoda. Me manda la me padrona...

Corallina. La signora Marchesa?

Arlecchino. La signora Marchesa, a reverir el sior Conte.

Corallina. Il signor Conte; non la signora Contessa?

Arlecchino. Il signor Conte, non la signora Contessa. E la ghe manda a dir ... (verso Brighella)

Corallina. Parlate con me.

Arlecchino. E la ghe manda a dir che stamattina ...

Corallina. Brighella, senti. (Va a dire alla padrona segretamente, che venga qui). (piano a Brighella)

Brighella. (Ma se no la vol...) (a Corallina)

Corallina. (Va là, fa a mio modo). (come sopra)

Brighella. (No la vol sentir ... )

Corallina. (Va, che ti caschi la testa).