Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/473


Brighella. E la mia padrona, poverazza, l’ è tanto che la ghe n’ ha bisogno, che l’ ho sentida mi a pregarlo che el ghe li compra ; e inveze de dcirli alla muier, el li porta qua ... Le son de quelle cosse, che me faria dir ... Ma dei patroni no voi mormorar.

Arlecchino. Ti fa ben, veh. Anca mi vedo e taso. L’altro zomo la me patrona l’ ha perso vinti zecchini, e el to patron ghe li ha imprestadi ; ma no gh’ è dubbio che mi diga gnente.

Brighella. Come mi, che so che el patron ha impegna le zoggie della muggier, senza che eia lo sappia, e noi diria a nissun, se i me dasse la corda.

Arlecchino. Oh, la secretezza l’ è una bella cossa 1

Brighella. El nostro mazor capital Tè la fedeltà.

Arlecchino. E cussi, vot darghe la lettera alla padrona?

Brighella. Ridi, che l’ è da rider ; no me recordava più della lettera.

Arlecchino. Anca mi, quando son coi amici, me scordo tutto. Dame la lettera, che ghe la porterò.

Brighella. No ; bisogna che ghe la daga mi in proprie man.

Arlecchino. At paura che mi ?...

Brighella. No, caro paesan. El me patron voi cussi.

Arlecchino. Anderò a veder se se poi, ma ho paura.

Brighella. Perchè?

Arlecchino. Perchè l’ è drio adesso a menar la man.

Brighella. A scriver fursi? A metter el negro sul bianco?

Arlecchino. No ; a metter el bianco sul negro. (fa cenno che si belletta, e parte

SCENA III(i).

Brighella, por Arlecchino.

Brighella. Ma ! L’ è cussi ; le donne le ha sta bella felicità, che se le son brutte, le se fa belle. No so cossa dir ; le compa- tisso ; anca a mi me piaseria una bella donna, bella natural- (1) Vedasi Appendice.