Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/472

456 ATTO SECONDO

SCENA II1.
Brighella e detto.

Brighella. Paesan, ho trova la porta averta, e mi son vegnudo innanzi.

Arlecchino. Ti ha fatto ben. Subito che son levà, averzo la porta, perchè tra visite e ambassade, se no la fusse averta, ghe vorria un battaor2 al zorno.

Brighella. Anca mi gh’ho un’ambassada da far alla vostra padrona.

Arlecchino. A bonora, per el fresco.

Brighella. El me padron m’ha dà sta lettera da portarghe.

Arlecchino. Magnemio gnente su sto negozio?

Brighella. Gnente affatto. Ti sa che al mio padron no ghe casca gnente.

Arlecchino. Prego el cielo che ghe casca qualcossa.

Brighella. Cossa mo?

Arlecchino. La testa.

Brighella. Perchè tanto mal?

Arlecchino. Perchè el fa deventar matta la me padrona.

Brighella. L’è la to padrona, che fa deventar matto el me padron.

Arlecchino. Via, giustemola; concludemo che i è matti tutti do.

Brighella. Bravo, ti m’ha dà gusto da galantomo. Quando bevemio un altro boccaletto de quel vin de iersera?

Arlecchino. A casa ti ghe ne beverà quanto che ti vuol.

Brighella. Oibò; no ghe n’avemo nu de quel vin.

Arlecchino. E sì alla me patrona ghe l’ha manda el to patron.

Brighella. Sì, el meggio a ela, e a casa se beve el vin mezzo guasto.

Arlecchino. No fazzo per dir, perchè mi no son de quei servitori che parla; ma el gh’ha manda un fornimento de merli sulla giusta. 3

  1. Vedasi Appendice.
  2. Battente, martello della porta ecc.: v. Boerio.
  3. De’ pizzi bellissimi. [nota originale]