Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/471


ATTO SECONDO.

SCENA PRIMA.

Camera della marchesa Beatrice. Arlecchino (i). Son curios de saver cossa diavol aveva sta notte la me padrona. La brava sospiri, che la pareva un mantese. Mi no cred che l’abbia mai dormido, perchè me son sveià tre volte, e sempre l’ ho sentida a smaniar. La s’è levada dal letto verde come un cogu- mero, ma da qua una mezz’ oretta la vegnirà fora del camerin bianca e rossa come una rosa. (1) Questa scena, com’è nell’ed. Bettinelli, vedasi in Appendice.