Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/446

430 ATTO PRIMO

Arlecchino. Grazie, patroni. Evviva, e che la vaga. (beve)

Brighella. Paesan, questo l’è un bon vin. (ad Arlecchino)

Arlecchino. Eh, mi no son gonzo, l’è del meio che sia1 in cantina. Oè, l’è de quel che i beve de là in tavola della patrona.

Brighella. Bravo, cussì va ben. Gode i patroni, godemo ancora nu. Alla vostra salute. (beve)

Faloppa. Il mio padrone si beverebbe il mare2, se fosse vino.

Pistone. E il mio per mangiare non la cede ad un parassito.

Brighella. El mio el magna poco, el beve manco, ma l’è rabbioso co fa una bestia.

Arlecchino. Per quest ghe piase la me padrona, perchè anca eia l’è3 stizzosa come una vespa4.

Faloppa. Sì, voi dite bene. Il signor conte Ottavio, padrone vostro, colla signora marchesa Beatrice, padrona vostra, fanno all’ amore come i gatti. (a Brighella ed Arlecchino)

Arlecchino. Anca el conte Ottavio5 colla me padrona fa cussi, el grida sempre.

Brighella. L’è per altro una bella vergogna, che sto sior Conte me padron vegna qua a cicisbear colla signora6 Marchesa, e el fazza desperar quella povera signora contessa Rosaura so muier, che l’è bona come un agnello.

Pistone. Sapete la cosa com’è? Il vostro padrone è pentito di avere sposato la figlia d’un mercante. L’ha fatto per amore, e adesso che n’è sazio, conosce che ha fatto male.

Brighella. El doveva pensarghe avanti. Finalmente sior Pantalon l’è un marcante ricco e civil.

Arlecchino. El to patron l’ha fatto mal a no sposar la me padrona. (a Brighella)

Brighella. Perchè?

Arlecchino. Perchè i è rabbiosi tutti do, e s’avaria visto una nova razza de rospi.

Brighella. E la mia padrona l’è tanto bona e paziente.

Pistone. Il mio padrone, il signor Florindo, lo conosci? (a Brighella)

  1. Bett.: sippia.
  2. Bett.: I me padrone si beverebbe i mare ecc.
  3. Bett. e Pap.: anca le l’è ecc.
  4. Bett.: vespera.
  5. Bett. e Pap.: Ottavi.
  6. Bett. e Pap.: siora.