Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/420


SCENA XIV (1).

Brighella e detti, poi Florindo.

Brighella. Sior Florindo vorria parlarghe da solo a solo. El l’aspetta in sala (2). (a Pantalone)

Pantalone. Diseghe che el vegna qua, che el me fazza sta fi- nezza. Sior Ottavio vienlo?

Brighella. L’ ha dito ch’ el se veste. (parte)

Pantalone. No sta tanto a vestirse una novizza (a) .

Beatrice. (Che caro Lelio ! Sposarmi !) (da sé)

Florindo. Servitor umilissimo di lor signori.

Pantalone. La favorissa, la vegna avanti.

Beatrice. (Ah briccone !) (sospirando nel -veder Florindo)

Florindo. Io non ardiva avanzarmi ; tanto più che vi è qui la signora Beatrice.

Beatrice. Le do soggezione, padron mio?

Pantalone. Za siora Beatrice sa tutto. La xe mare émiorosa, e la xe contenta ...

Beatrice. Mi maraviglio di voi, non è vero, non sono contenta; e mia figlia non gliela voglio dare.

Pantalone. Se no la ghe la voi dar eia, ghe la darò mi, e ghe la darà sior Ottavio. Oe, chi è de là?

SCENA XV.

Arlecchino e detti. ArL£CCHINO. Sior.

Pantalone. Diseghe a sior Ottavio che el se destriga, che el vegna subito. ArL£CCHINO. Sior sì. (parte, e poi ritorna (a) Una sposa. (1) Neil" ed. Belt. questa e le «cene seguenti tono suddivise. (2) Bett.: in porltgo.