Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/420

406 ATTO TERZO

SCENA XIV1.

Brighella e detti, poi Florindo.

Brighella. Sior Florindo vorria parlarghe da solo a solo. El l’aspetta in sala2. (a Pantalone)

Pantalone. Diseghe che el vegna qua, che el me fazza sta finezza. Sior Ottavio vienlo?

Brighella. L’ha dito ch’el se veste. (parte)

Pantalone. No sta tanto a vestirse una novizza3.

Beatrice. (Che caro Lelio! Sposarmi!) (da sè)

Florindo. Servitor umilissimo di lor signori.

Pantalone. La favorissa, la vegna avanti.

Beatrice. (Ah briccone!) (sospirando nel veder Florindo)

Florindo. Io non ardiva avanzarmi; tanto più che vi è qui la signora Beatrice.

Beatrice. Le do soggezione, padron mio?

Pantalone. Za siora Beatrice sa tutto. La xe mare amorosa, e la xe contenta ...

Beatrice. Mi maraviglio di voi, non è vero, non sono contenta; e mia figlia non gliela voglio dare.

Pantalone. Se no la ghe la vol dar ela, ghe la darò mi, e ghe la darà sior Ottavio. Oe, chi è de là?

SCENA XV.
Arlecchino e detti.

Arlecchino. Sior.

Pantalone. Diseghe a sior Ottavio che el se destriga, che el vegna subito.

Arlecchino. Sior sì. (parte, e poi ritorna)

  1. Nell’ed. Bett. questa e le scene seguenti sono suddivise.
  2. Una sposa. [nota originale]
  3. Bett.: in portego.