Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/41


IL MOLIERE 31

Moliere. Qui vieni, ho da parlarti.

Accostati, in segreto1 io deggio ragionarti.

SCENA III.

La Bejart e detti.

Bejart. (Resta in disparte ascoltando.)

Moliere. Marianna, ho conosciuto che di buon cuor tu sei.
Onde a te, più che agli altri, donai gli affetti miei.
Isabella. Padre, tenuta i’ sono al vostro dolce affetto.
Moliere. (Ella ci sta ascoltando). (piano a Isabella)
Isabella.  (Se lo dico, è in sospetto). (fa lo stesso)
Bejart. (S’avanza bel bello.)
Moliere. Che cosa fate lì? Voi siete curiosa.
Standoci ad ascoltare...
Bejart.  Vi è qualche arcana cosa,
Ch’io sapere non deggia? (a Moliere)
Moliere.  Con vostra permissione.
Provavasi2 la scena fra Marianna ed Orgone.
Veduta non vi avea. La parte eccola qui:
Voi siete curiosa: Orgon dice così.
Bejart. Ma qual necessità di ripassar trovate
Parte di una commedia, ch’è fra le condannate3?
Moliere. Torni il compagno nostro, torni Valerio a noi,
E se più fia sospesa, lo vederete poi.
A’ piedi del Monarca spedito ho a tale oggetto
Il giovine gentile, e comico perfetto.
Bejart. E a voi chi diè licenza venire in questi quarti,
A farvi da Moliere veder le vostre parti? (ad Isabella)
Moliere. Via, la vostra figliuola è una fanciulla onesta.
Isabella. Egli non mi ha veduta, signora, altro che questa.
Bejart. Via di qua, sfacciatella.

  1. Bett.: Ma piano, che in segreto.
  2. Bett.: Facevamo
  3. Bett. e Pap.: trovate di studiare — La Commedia sospesa, che più non s’ha da fare?