Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/409



son informa della so nascita, e del stato della so casa. Ho cognossìi so sior pare e so sior barba (a), zentilomeni veronesi de tutta stima e de tutta bontà. Accetto con tutto el con- tento la richiesta che la me fa de sta putta, e qua su do pie, da galantomo, da omo d’onor, ghe prometto che la sarà so muggier.

Florindo. Potete voi compromettervi della di lei volontà?

Pantalone. Me posso comprometter, so quel che digo, cognosso la bontà della putta, e pò el merito de sior Florindo xe una bona lettera de raccomandazion.

Florindo. Voi mi consolate. Credetemi ch’ io l’ amo teneramente.

Pantalone. La senta, per ogni buon riguardo, anderò a dirlo alla putta, e ghe lo dirò anca a so siora mare ...

Florindo. E se la madre non volesse?

Pantalone. Oh, circa la mare me ne rido. Ghe lo dirò per rispetto, ma co xe contenta la putta, fazzo conto che sia fatto tutto.

Florindo. E suo zio?

Pantalone. El lo saverà, el fa tutto quel che digo mi. Ma la senta, sior Florindo, la s’ arrecorda ben che semo omeni, e no semo puttelli ; se la putta se contenta, no trovemo radeghi (i), no se pentimo.

Florindo. Sono un uomo d’ onore, non son capace di male azioni.

Pantalone. Me dala parola?

Florindo. Vi do parola.

Pantalone. Vago subito.

SCENA III.

Lelio e detti.

Lelio. Ah signor padre ...

Pantalone. Via, tocco de desgrazià, via, galiotto, baron, no me vegnir più davanti (0. Ma senti, furbazzo, per poco ancora ti spas- sizzerà (e) su ste piere (d ). (entra in casa di Rosaura (a) Zio. (i) Imbrogli, (e) Passeggerai, (d) Pietre. (1) Bett. aggiunge : no me chiamar per nome.