Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/406



al pettene, e no gh’ è più remedio. Adesso ti dirà in tei to cuor : Cossa sarà de mi ? Gnente a quel che ti meriti, ma tanto che basterà a castigarle. Menar via una putta? Sassinar una pupilla ? Ah, questo me passa el cuor ! Fio indegno, fio desgrazià ! Vame lontan dai occhi, come te mando lontan dal cuor. Ah, volesse el cielo che te podesse allontanar anca dalla memoria ! Ma pur troppo ri sarà fin che vivo el mio tormento, el mio rossor, la mia desperazion, la mia morte. (piange)

Lelio. Ah caro padre ...

Pantalone. Via, furbazzo ; indegno de nominar el nome de pare. (parte)

Lelio. Oh me infelice! che cosa sarà di me? Anderò lontano da mio padre? Dove? Come? Mille rimori mi assaliscono. Oh donne ! oh donne ! E quell’ indegna di Corallina mi ha man- giari i denari, e poi ancora m’ insulta ? Ah, ch’ io son dispe- rato ! Vadasi incontro ad ogni avverso destino. (parte) Fine dell’Atto Secondo.