Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/405


IL TUTORE 391

Lelio. Come! ...

Pantalone. Tasi là. Omeni, compagnele in barca. Adesso vegno anca mi. Andè in barca, putte, poverazze! andè là, care, andè là.

Lelio. (Ah, se tardava un momento!) (da se)

Rosaura. Signor Pantalone, vi prego, per carità ...

Pantalone. Sì, fia mia, sì, andè là, parleremo ...

Rosaura. Mi volete mettere in quel ritiro? ...

Pantalone. Sì, ve metterò dove che volè.

Rosaura. Ma per carità ...

Pantalone. Ande là, no me fa andar in collera.

Rosaura. Povera me! Ora vado a seppellirmi per sempre! (parte)

Corallina. Ecco lì, vostro figlio l’ha fatta bella. Povera la signora Rosaura! Se io non fossi stata coraggiosa e onorata ...

Lelio. Eh, non le credete ...

Pantalone. Tasi, furbazzo.

Corallina. (Oh, son sicura che crederà a me, più che a lui). (da sè, parte.)

SCENA XX1.
Pantalone e Lelio.

Pantalone. Tocco d’infame! tocco de desgrazià! Sastu per cossa che son restà indrio? Per cossa che me son fermà in sta camera? Ti crederà per criarte, per manazzarte, per rimproverarte delle to iniquità. No, sto mestier l’ho fatto abbastanza, son stuffo de farlo, e in do parole me sbrigo. Questa xe l’ultima volta che ti vedi to pare. Va, che el cielo te benediga. Arrecordete de quel che ti m’ha fatto passar. S’el cielo te darà desgrazie, se ti patirà, se ti pianzerà, arrecordete de to pare e di’: Adesso sconto le lagreme e i patimenti che gh’ho fatto soffrir. No te vôi più rimproverar, no te voi più dir gnente: el xe fiàa butta via, el xe tempo perso. I groppi xe vegnui

  1. Fiato.
  1. È unita alla scena preced. nell’ed. Bett.