Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/395


IL TUTORE 381

Ottavio. (Torna a sedere) Che uomo furioso è quel Pantalone! Sa dove sono, li ha trovati, poco più, poco meno, non vi era tanta fretta. Ehi! Chi è di là?

SCENA Xlll.
Beatrice, Ottavio e poi un Servitore.

Beatrice. Chiamate?

Ottavio. Sì, dove sono coloro?

Beatrice. Io non lo so. Che ha il signor Pantalone, che l’ho veduto andar via riscaldato?

Ottavio. È matto.

Beatrice. Avete gridato insieme?

Ottavio. Oh, io non grido mai.

Beatrice. E voi, che fate col tabarro ed il cappello?

Ottavio. Volevo appunto che me lo cavassero.

Beatrice. Ma perchè ve lo siete messo?

Ottavio. Avevo d’andare con Pantalone.

Beatrice. A far che?

Ottavio. A far che, eh? A cercare di quella bricconcella di vostra figlia.

Beatrice. Come? Non è ella da quelle giovani, ove deve esser collocata?

Ottavio. Sì, collocata! Lelio ve l’ha ficcata.

Beatrice. Oh cielo! Che dite? Lelio m’ha ingannata? Suo padre non l’ha mandata a prendere? Oimè! che sarà mai?

Ottavio. Orsù, non venite qui colle vostre smanie a farmi serrar il cuore.

Beatrice. Ah Ottavio! Ah fratello mio! Siamo rovinati! (piange)

Ottavio. Via, non piangete. L’hanno ritrovata.

Beatrice. L’hanno ritrovata?

Ottavio. Sì. L’hanno ritrovata a Castello.

Beatrice. Oh cielo! Dove? Insegnatemi dove. Anderò a ricercarla.

Ottavio. Non v’infuriate, è andato il signor Pantalone.

Beatrice. E voi perchè non ci siete andato?