Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/394


Pantalone. Felo vegnir avanti.

Brighella. Subito, (i) (va)

Pantalone. Chi mai poi esser questo? Chi sa che noi sia qual- cun che me porta la niova d’ aver trova vostra nezza ?

Ottavio. Può essere. (2) (siede sulla poltrona

SCENA XII.

Tiritofolo e detti.

Tiritofolo. Signor Pantalone, li ho ritrovati.

Pantalone. Oe, el li ha trovai, (ad Ottavio) Dove? (a Tiritofolo)

Tiritofolo. A Castello.

Pantalone. Oe, a Castello i xe. (ad Ottavio)

Ottavio. Ih ! In capo al mondo.

Pantalone. In gondola, femo presto.

Ottavio. Ho paura dell’ aria. Ditemi, è scirocco ?

Pantalone. Contème, come i aveu trovai? (a Tiritofolo)

Tiritofolo. Ho preso una gondola, son andato a sorte cercan- doli, e li ho veduti smontare.

Pantalone. In casa de chi xeli?

Tiritofolo. Sono...

Pantalone. Andemo, andemo, che me conterè per strada. Pre- sto, sior Ottavio, andemo.

Ottavio. Oh ! Stavo tanto bene ! Aiutatemi.

Pantalone. Via, tolè ; andemo subito. Più che se tarda, più eresse el pericolo.

Ottavio. Son qui.

Pantalone. Mo via con quella vostra maledetta flemma.

Ottavio. Mi cadono li calzoni.

Pantalone. Eh, andeve a far ziradonar, sier omo de stucco. So dove che i xe. I troverò mi. Andemo, compare Tiritofolo, andemo. (via con Tiritofolo (I) Segue nelle edd. Bett. e Pap.: « Ott. Ehi! Mi cadono li calzoni, a Brighella. Brigh. Poeerazzo I Me despiase. via ». (2) Bett. e Pap. aggiungono: « Pant. Via I Zozo quel taolazzo » . Quest’ ultima parola significa bersaglio e, per metafora, deretano badiale : Boerio, Diz.