Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/391


IL TUTORE 377


bito i mi barcaroli a veder, a cercar, e ho mandà altre quattro persone, acciò i me sappia dir da che banda i xe andai, dove che i se pol trovar: ma bisogna che anca nu se demo le man intorno. Presto, sior Ottavio, vestive, andemo fora de casa.

Ottavio. Aspettate ch’io finisca di fumar questa pipa.

Pantalone. Eh, che no ghe xe tempo da perder. Animo, destrigheve, vestive.

Ottavio. Avete la gondola?

Pantalone. Sì ben, gh’ho la gondola. Caro vu, andemo.

Ottavio. Che cosa dice mia sorella?

Pantalone. A ela no gh’ho dito gnente, che mio fio ha fatto la baronada. Ve prego, caro amigo, anca vu; se podemo, salvemo la reputazion della putta, e la vita del quel povero desgrazià. Mo via, destrigheve per carità.

Ottavio. Ecco, la pipa è finita: sarete contento.

Pantalone. Sia ringrazia el cielo. Via, vestive.

Ottavio. Ehi. (chiama)

Pantalone. Via, voleu che ve agiuta mi?

Ottavio. Oibò. Ehi. (chiama)

SCENA XI.
Brighella e detti.

Brighella. Signor.

Ottavio. Mi voglio vestire.

Brighella. (Oh che miracolo!) (da sè) Vólela lavarse le man?

Ottavio. Eh, non importa.

Brighella. (L’è do mesi che nol se le lava). (da sè)

Ottavio. Dov’è Arlecchino?

Brighella. L’è andà via brontolando, e no so dove el sia.

Ottavio. Tu solo non mi potrai vestire.

Pantalone. Mo via, destrigheve. Cossa ghe vol a vestirve? Ve aiuterò anca mi.

Brighella. Mi no gh’ho pratica. La perdona: dove tienla le scarpe?