Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/390

376 ATTO SECONDO

SCENA X.
Arlecchino colla pipa, e detti.

Ottavio. Da’ qua la mia pipa. (si mette a fumare)

Pantalone. Via, sior; andè via, che avemo da descorrer. (ad Arlecchino)

Arlecchino. Discorrè pur: cossa m’importa a mi?

Pantalone. Ma vu no gh’ave da esser.

Arlecchino. Fe cont che no ghe sia.

Pantalone. Sior Ottavio, fe andar via costù.

Ottavio. Oh!

Pantalone. Orsù: za che vedo che no v’importa, che no gh’avè fin de reputazion, vago via ...

Ottavio. Aspettate, siate un poco più flemmatico; siete troppo furioso, morirete presto.

Pantalone. Co volè che parla, no vol costù presente.

Ottavio. Va via. (ad Arlecchino)

Arlecchino. Ho da desparecchiar.

Ottavio. Va via.

Arlecchino. Ho da far el letto.

Ottavio. Va via.

Pantalone. E co sta flemma ghel disè?

Ottavio. Non voglio alterarmi.

Pantalone. Me deu licenza che el manda via mi?

Ottavio. Sì, fate voi.

Pantalone. Va via, va via, va via. (a calci lo caccia via)

Ottavio. (Ride) Bravo, ma io non l’avrei fatto.

Pantalone. No? Perchè?

Ottavio. Per paura di slogarmi una gamba. (segue a fumare)

Pantalone. Sior Ottavio, qua bisogna remediarghe. Sappia, e lo digo colle lagreme ai occhi, che Lelio mio fio ha fatto sta iniquità.

Ottavio. Oh! (fumando)

Pantalone. Spero che no ghe sarà gnente de mal, perchè ghe xe la cameriera, e po no ghe daremo tempo. Ho manda su-