Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/363


IL TUTORE 349

Pantalone. Via, se no ghe xe nissun, n’importa; tiolemose una carega1, a e sentemose. (prende la sedia per sè)

Ottavio. Ehi... (chiama)

Pantalone. Aveu bisogno de gnente?

Ottavio. Ho bisogno della sedia. Io non voglio durar2 questa fatica.

Pantalone. Se no volè far3 vu, farò mi. (gli dà una sedia) Comodeve.

Ottavio. Vi ringrazio. (siede)

Pantalone. Sior Ottavio caro, nu semo colleghi nella tutela de vostra nezzab. Vorave che se fessimo onor, e che arrecordandose dell’impegno che avemo tolto ...

Ottavio. Ehi. (chiama)

Pantalone. Cossa ve bisogna?4

Ottavio. Su questa seggiola io non ci posso stare.5

SCENA XI.
Un Servitore e detti.

Servitore. Signor, ha chiamato?

Ottavio. Fatemi portare la mia poltrona.

Servitore. Sì signore. (parte)

Pantalone. Caro sior Ottavio, ve piase molto i vostri comodi.

Ottavio. Oh, io sì veh. Voglio goder più che posso; e non ho altro bene, e non godo altro che la mia comodità. Questa sedia dura mi ammacca, con riverenza, il di dietro.

Pantalone. No so cossa dir, tutto xe un avvezzarse. Ma tornemo al nostro proposito. Sta putta, come che diseva, xe granda e vistosa. In casa pratica della zoventù ...

Ottavio. (Sì va rimescolando sulla seggiola.)

Pantalone. Coss’è? Cossa gh’aveu?

  1. Seggiola.
  2. Nipote.
  1. Bett. aggiunge: per omo.
  2. Bett.: far.
  3. Bett. e Pap.: farla.
  4. Segue nell’ed. Bett.: «Ott. Ehi! Pant. Mo via, cossa voleu? Ott. Su quella ecc.»
  5. Bett. aggiunge: Ehi!