Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/359


IL TUTORE 345

Beatrice. Quando ci sono io, ci può essere ancora ella.

Pantalone. Se la me permette, gh’ho da dir do parole, e pò la lasso vegnir. (a Beatrice)

Beatrice. Via, parlate, spicciatela.

Pantalone. Ben, ghe parlerò anca in so presenza. La diga, cara siora Rosaura ...

Corallina. Signora, il signor Florindo aspetta. (a Beatrice)

Beatrice. Rosaura, prendetevi la vostra seccatura, e poi venite. (parte)

SCENA VII1.
Pantalone, Rosaura e Corallina.

Rosaura. (In verità ci anderei volentieri). (da sè)

Corallina. (Povera ragazza! si sente morire a non poter andar ancor ella2). (da sè; pone la roba sul tavolino)

Pantalone. Siora Rosaura, gh’ho da far una proposizion, ma vorria che ghe fusse anca so sior zio3, perchè anca lu el xe tutor come mi, e siben che poco el se ne incura, gh’ho a caro che in certe cosse el ghe sia. Corallina, cara fia, andè a chiamar sior Ottavio, e diseghe che son qua che l’aspetto.

Corallina. Oh, il signor Ottavio sarà ancora a letto.

Pantalone. Xe debottoa mezzo zorno: e po son stà da elo co son vegnù qua. El giera in letto, l’ho fatto desmissiarb, el m’ha dito che el se vestiva; el sarà vestio: diseghe che el favorissa de vegnir qua.

Corallina. Vado, ma non credete ch’egli venga sì presto.

Pantalone. Che vol tanto a vestirse?

Corallina. Per lui vi vogliono delle ore; non la finisce mai. Tira fuori un braccio, sente aria, e lo torna a cacciar sotto. Poi s’alza a sedere sul letto, e sta mezz’ora ad affibbiarsi il giubbone4. Si mette la veste da camera, e poi sta lì a guardare

  1. Or ora.
  2. Svegliare.
  1. È unita nell’ed. Bett. alla scena precedente.
  2. Bett.: ancor lei.
  3. Bett.: barba.
  4. Bett. e Pap.: il corpetto.