Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/357


IL TUTORE 343

Rosaura. Un goliè color di rosa, con fiori d’argento.

Pantalone. Via, ancuo dopo disnara ve lo porterò mi.

Rosaura. Oh, quand’è così, signora madre, non vengo altrimenti1, vado a terminar la mia manica. (siede)

Beatrice. Come? Così obbedisci la madre?

Rosaura. Ma se ...

Pantalone. Orsù, qua mo no posso taser. Se tratta de massima, se tratta de una falsa educazion. Coss’è sto confonder el debito dell’obbedienza con quello della modestia? I fioi i ha da obbedir so pare e so mare, co i ghe comanda cosse lecite, cosse bone. Se i genitori xe matti, poveri quei fioli che per malizia o per semplicità li obbedisse. La se vol menar in maschera, la se vol viziar a un cattivo costume, e perchè, conseggiada dal so tutor, la resiste, se dirà che la disobbedisse so mare? Sì, in ste cosse mi ve fazzo coraggio a farlo; e in fazza del cielo e in fazza del mondo, sostegnirò che la vostra no xe disubbidienza, ma prudenza e virtù, che a longo viazzob farà vergognar chi no cognosse el debito d’una mare, chi no distingue el pericolo d’una fia. (a Rosaura)

Beatrice. Orsù, andate a fare il pedante in casa vostra.

Pantalone. Vegno qua, e parlo, e me scaldo, perchè gh’ho debito de invigilar su sta putta.

Beatrice. Voi non siete il solo tutore di Rosaura; vi è il signor Ottavio mio fratello, e suo zio, ch’è tutore testamentario tanto quanto siete voi.

Pantalone. Xe vero, ma el xe un omo che no gh’abbada, che lassa correr, che lassa far. E se lassasse far a elo, tutte le cosse le anderia a precepizio.

Beatrice. Mio fratello non è un balordo.

Pantalone. L’è un omo de garbo, ma nol vol far gnente.

Beatrice. Che cosa ha da fare?

Pantalone. L’ha da far quello che fazzo anca mi.

  1. Oggi dopo pranzo.
  2. A lungo andare.
  1. Bett.: altro.