Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/356

342 ATTO PRIMO

Pantalone. Saria stà meggio che el ghe l’avesse dito.

Beatrice. Come saria stato meglio?

Pantalone. Se el ghe l’avesse dito, la s’averave corretto.

Beatrice. Mi maraviglio di voi1.

Pantalone. Védela? Se la gh’avesse prudenza, no l’alzerave la osea. 2 Ela se fa più mal de quel che ghe posso far mi.

Beatrice. Ma ... in che mi potete voi condannare?

Pantalone. Cara ela ... in cento cosse. Qua se ammette zoventù in casa, senza riguardo che ghe xe una putta; qua se tien conversazion, e se gh’ha gusto che la putta ghe sia. Se vede, e se tase, e mi so cossa che se vede, e mi so cossa che se tase. La putta xe de bona indole, la xe modesta e un poco rustegab, e questo per ela xe ben, che per altro so siora mare ghe darave dei bei esempi ... Basta, lassemo andar. Ma la diga, cara ela, cossa xe sto andar in maschera da tutte le ore? Anca la mattina in maschera? Do donne sole le se pettac su el so tabanello, e via. Che concetto ha da formar la zente de ela? Vorla3 far delle spese? O se manda, o se fa vegnir a casa, o se se fa compagnar, no se va sole. Le donne sole no le sta ben, no le par bon. I omeni, co i vede le donne sole, i dise che le va a cercar compagnia. I zira, i tenta, i se esebisse, i la incozza, e po i la venzed; e tante de ste patrone che va fora de casa con una maschera indifferente, le torna a casa con una maschera de poca reputazion.

Beatrice. Obbligatissima della sua seccatura. Rosaura, andiamo.

Rosaura. Che dite, signor Pantalone? Vado o non vado? (s’alza)

Pantalone. Che premura gh’aveu d’andar?

Rosaura. Mi vuol comprare un goliè ...

Pantalone. Un goliè? De che sorte?

Beatrice. (Oh che uomo fastidioso! Vuol saper tutto). (da sè)

  1. Voce.
  2. Rustica.
  3. Si mettono.
  4. Insistono, e poi la vincono.
  1. Bett. e Pap. aggiungono: Io non sono un’imprudente.
  2. Bett. aggiunge: Mi parlo in fià e ela ciga.
  3. Bett.: Se vorla.