Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/318

306 ATTO TERZO

SCENA II.
Corallina e detti.

Corallina. Tornano indietro.

Rosaura. Bracket right 2.png Lo so, lo so. (tutte due in una volta)
Beatrice.

Corallina. Hanno fatto una bella bravura. L’inimico si è avvicinato di più di quel che si credevano; hanno trovato il posto disavvantaggioso, e sono fuggiti.

Rosaura. Non è vero; gl’inimici si sono ritirati.

Beatrice. Eh! se si sono battuti; se sono mezzi disfatti!

Corallina. Vi dico che tornano indietro per paura. L’ho saputo da un foriere.

SCENA III.
Pantalone e dette.

Pantalone. Aveu savesto?

Tutte e Tre. Lo sappiamo, lo sappiamo.

Pantalone. I torna indrio.

Beatrice. Avete saputo quanti sieno i morti?

Pantalone. Morti? Gnanca uno.

Beatrice. Come! non sapete la gran battaglia?

Pantalone. Che battaggia? I torna indrio sani e salvi, senza aver visto la fazza dell’inemigo.

Rosaura. Se lo dico io, l’inimico si è ritirato.

Corallina. Eh, sarà come ho detto io; questi sono fuggiti.

Pantalone. I dise che el general ha dà ordene che i retroceda, senza saver el perchè.

Rosaura. Perchè quegli altri si ritiravano.

Corallina. Anzi perchè si avanzavano troppo.

Pantalone. No xe vero nè l’un, nè l’altro. Zitto: me par de sentir el tamburo. (si sente il tamburo)

Corallina. Il tamburo?