Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/311


L'AMANTE MILITARE 299

SCENA XI.
Camera di Rosaura con porte laterali.
Rosaura e Beatrice.

Beatrice. Cara amica, perdonate s’io vengo a recarvi incomodo. È egli vero che don Garzia sia venuto di quartiere in casa. vostra?

Rosaura. Sì, pur troppo è la verità.

Beatrice. E don Alonso?

Rosaura. E il povero don Alonso è in arresto per sua cagione.

Beatrice. Come ha fatto don Garzia a introdursi nella vostra casa?

Rosaura. Chiederò a voi come abbia fatto a lasciar la vostra.

Beatrice. Spererà di star meglio.

Rosaura. È difficile; poichè voi abbondate di camere, e noi siamo ristretti.

Beatrice. Sì; ma supplisce il merito della padrona di casa.

Rosaura. Eh! signora mia, io non faccio la conversazione cogli uffiziali.

Beatrice. Nè per me si battono gl’innamorati.

Rosaura. Amo don Alonso, perchè deve esser mio sposo.

Beatrice. Ed io amo don Garzia per la stessa ragione.

Rosaura. Se don Garzia vi ama egualmente, perchè vi abbandona?

Beatrice. A questa interrogazione risponderete voi stessa.

Rosaura. Io?

Beatrice. Sì, voi saprete chi me l’ha levato di casa.

Rosaura. Io so che con prepotenza si è fatto aprire le camere di don Alonso.

SCENA XII.
Corallina e detti.

Corallina. Signora padrona, avete sentito?

Rosaura. Che cosa?

Corallina. La generala.

Rosaura. Che cosa è questa generala?