Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/288

276 ATTO PRIMO

Brighella. Sempre cussì, sempre allegramente. Vu che mestier feu?

Arlecchino. Fazz el servitor.

Brighella. Poverazzo! sfadigherè tutto el zorno.

Arlecchino. Come un aseno, sior.

Brighella. Magnerè poco.

Arlecchino. Ho sempre fame.

Brighella. No gh’avere mai libertà.

Arlecchino. Mai.

Brighella. Eh, vegnì a star con nualtrì.

Arlecchino. Oh magari!

Brighella. Qua gh’avere da magnar e da bever; sarè calzà e vestido; no pagherè fitto de casa, averè dei denari, sarè respettà, viazzerè, vederè el mondo, ve devertirè, e fora de qualche sentinella e de un poco de esercizio, no gh’averè gnente a sto mondo da far.

Arlecchino. Oh che bella cossa! Ma ... i dis che i soldadi i va alla guerra, e alla guerra se mazza. No vorria che me toccasse sto bell’onor.

Brighella. Eh giusto! Semo soldadi anca nu, e semo qua, e semo stadi alla guerra; e no semo morti, e stemo allegramente. Animo, alla vostra salute. (beve)

Caporali. Volete venir a stare con noi? Se volete, animo, questo è un abito.

Brighella. Cossa gh’aveu nome?

Arlecchino. Arlecchin Battocchio.

Brighella. Animo, sior Arlecchin, voleu che scriva el vostro nome su sto libro?

Arlecchino. Scrivèlo pur.

Brighella. Son qua. (scrive) Arlecchino Battocchio rimesso soldato ecc. Voleu denari?

Arlecchino. Se me ne darè, i torrò.

Brighella. Ve contenteu de un felippo?

Arlecchino. Sior sì, me contento.

Brighella. Tolè; animo, putti, vestilo. (vestono Arlecchino da soldato) Seu contento?